“Bric” European Project

BRIC: Bambini, spazi pubblici e democrazia

Premessa

BRIC è un progetto di ricerca finanziato dall’Unione Europea (progetto Comenius KA2), che coinvolge Italia (Azienda Servizi Bassa Reggiana), Svezia (Barnpedagogiskt Forum) e Inghilterra (Anglia Ruskin University), coordinato da Tim Waller, professore all’Università Anglia Ruskin di Cambridge; il progetto ha durata triennale ed è iniziato nel mese di gennaio 2015.
Il progetto coinvolge bambini/e, insegnanti e genitori ed ha l’intento di esplorare ed approfondire il tema della partecipazione democratica negli spazi pubblici. La ricerca intende focalizzare l’attenzione sulla relazione tra servizi educativi, infanzia e spazi pubblici del territorio ed, in modo particolare, sul dialogo che tra essi si può instaurare al fine di rendere il paese un possibile scenario educativo e di partecipazione.

Obiettivi

BRIC intende raggiungere i seguenti obiettivi:
  1. Scambio di buone pratiche tra insegnanti/educatrici di nidi e scuole dell’infanzia dei tre paesi (Italia, Svezia e Regno Unito).
  2. Formazione sistematica sulla partecipazione democratica negli spazi pubblici.
  3. Sviluppo di risorse educative ed esperienze con l’intento di coinvolgere il personale educativo, i genitori, la comunità locale, gli amministratori locali ed i rappresentanti del territorio.

Metodologia

Le metodologie proposte all’interno del progetto sono:
  1. Participatory Action Research (PAR) – la costruzione di una “grammatica” comune.
  2. Polyvocal – un metodo fondato sull’ascolto di più voci:
    • prima voce – la documentazione video di bambine/i negli spazi pubblici;
    • seconda voce – le riflessioni di bambine/i e insegnanti nei servizi educativi;
    • terza voce – le riflessioni tra insegnanti dello stesso paese;
    • quarta voce – le riflessioni tra insegnanti dei paesi partners;
    • quinta voce – le riflessioni delle famiglie, della comunità, delle ricercatrici e dei ricercatori.
Le metodologie della ricerca BRIC sono ispirate dagli studi di “Preschool in three cultures” di James Tobin (Tobin, Wu and Davidson, 1989 e Tobin Hsueh e Karasawa, 2009).

Le attività e le azioni del progetto

BRIC coinvolge insegnanti, bambini/e, genitori, cittadini e amministratori locali, cercando di esplorare la partecipazione democratica intorno a tre spazi differenti:
  • Percorsi-pavement (marciapiedi, pavimentazioni o equivalenti)
  • Spazi urbani-outdoor (piazze, parchi, boschi ...)
  • Spazi interni-indoor (biblioteche, teatri, musei ...)
Queste attività verranno documentate ed elaborate e, successivamente, condivise e diffuse attraverso consulte locali, scambi internazionali e Web.

Impatto e diffusione

Una diffusione più ampia di BRIC verrà effettuata attraverso il Sito-Web del progetto (www.bricproject.orge attraverso un Centro di Documentazione. Inoltre la condivisione dei contenuti sarà valorizzata attraverso:
  • La pubblicazione di alcuni materiali di studio e microstorie.
  • La creazione di Forum Aperti Permanenti in ognuno dei paesi partecipanti.
  • Una conferenza internazionale a Bruxelles alla fine del progetto nel 2017.

Progetto pilota

Attraverso un progetto pilota è stato esplorato il valore di questa ricerca: il dialogo interculturale, la documentazione e la riflessione tra insegnanti dei paesi coinvolti. Il progetto pilota si è svolto tra novembre 2013 e febbraio 2014 ed ha mostrato che uno scambio di buone pratiche tra insegnanti di differenti paesi è possibile e di grande valore per lo sviluppo professionale, per lo scambio di nuove riflessioni e conoscenze.
Punto di partenza della ricerca, condiviso da tutti i partecipanti, è il valore del dialogo con i bambine/i e l’esplorazione di uno spazio pubblico con continuità nel tempo. Inoltre è importante che i bambine/i possano lasciare tracce dei loro percorsi e che vengano coinvolti ed informati gli amministratori locali ed i genitori.

Sito del progetto: www.bricproject.org